Materassi Ignifughi:
la prevenzione oltre al confort

Lo sapevate che le strutture turistico-alberghiere devono avere materassi ignifughi certificati per prevenire incendi? Il Decreto Ministeriale del 9 aprile 1994 regola la tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere: strutture come in case di riposo, ospedali, affitta-camere, ostelli, villaggi turistici, hotel….

Per valutare il comportamento al fuoco dei materassi si deve fare riferimento al metodo di prova “Reazione al fuoco dei materiali” che prevede una sua differente classificazione:

CLASSE 3 IM

Esposizione all’applicazione della fiamma per un tempo pari a 20 secondi

CLASSE 2 IM:

esposizione all’applicazione della fiamma per un tempo pari a 80 secondi

CLASSE 1 IM:

CLASSE 1 IM: esposizione all’applicazione della fiamma per un tempo pari a 140 secondi.

Viene assegnato un esito positivo a ognuna delle prove se si registra la cessazione dell’eventuale combustione entro 12 secondi dalla rimozione del bruciatore.

Il requisito che devono possedere i materassi ignifughi è quello di appartenere alla Classe 1 IM affinché risultino affidabili e garanti dell’incolumità collettiva.

Manutenzione del vostro materasso.

La ditta Gatti vuole darvi qualche importante consiglio per la manutenzione dei vostri materassi e dei vostri cuscini… importanti consigli per far si che i vostri materassi durino più a lungo e si conservino nel modo migliore:

1

Girate spesso il materassi, soprattutto se si tratta di materassi matrimoniali!

2

Fate prendere aria alla stanza e al materasso stesso

3

Usate sempre copri-materasso e coprirete

4

Lavate la fodera del materasso (se sfoderabile) almeno una volta l’anno.

5

Non usate macchinari a vapore per la pulizia perché trattengono l’umido e favoriscono la formazione di muffe e funghi.

6

Pulite con panno antistatico ed esponetelo al sole per un’azione 
anti-acari.